CBGA, o acido cannabigerolico

Il CBGA, o acido cannabigerolico, è uno dei molti cannabinoidi minori prodotti dalla pianta di cannabis.

Non sei sicuro di sapere cosa sia un “cannabinoide”? E’ un composto della cannabis che interagisce con una rete di recettori nel nostro corpo, noto come sistema endocannabinoide.

Svolgendo una funzione protettiva per la cannabis, il CBGA viene prodotto nei tricomi della pianta e innesca la necrosi cellulare mirata per la potatura naturale delle foglie per consentire alla pianta di massimizzare l’energia diretta verso il fiore.

Il CBGA è un composto fondamentale del fiore di cannabis. In effetti, potresti pensare al CBGA come al “nonno” dei cannabinoidi. Perché? Perché CBGA è al vertice della reazione a cascata che produce le tre principali linee di cannabinoidi:

    THCA (acido tetraidrocannabinolico)
    CBDA (acido cannabidiolico)
    CBCA (acido cannabichromenic)

Questi alla fine diventano rispettivamente THC, CBD o CBC. Il CBGA può anche convertirsi in CBG, ma nella maggior parte dei ceppi, il CBGA alla fine si converte in THC o CBD.

Gli scienziati conoscono il CBG (cannabigerolo) da oltre 50 anni. I ricercatori israeliani furono i primi a isolare il cannabinoide e 30 anni dopo, i ricercatori giapponesi furono i primi a rivelare che il CBGA era il suo precursore. Nonostante la lunga storia, ad oggi sono state condotte ricerche minime sul CBGA.

Gran parte della ricerca CBGA si è concentrata sulla produzione sostenibile di THCA per usi farmaceutici e di ricerca. Questa ricerca ha specificamente esaminato il meccanismo di conversione del CBGA in THCA.

I ricercatori hanno dimostrato un modo coerente di replicare il cannabinoide in una specie di lievito nota come Pichia pastoris, ampiamente utilizzata per le proteine ​​del DNA ricombinante. I team di ricerca hanno persino effettuato la modellazione computazionale per ottimizzare la produzione e nel 2019 un team di ricerca della California ha pubblicato il proprio lavoro sulla sintesi completa di cannabinoidi, incluso CBGA, da derivati ​​di lievito.

Potenziali benefici medici del CBGA
Sebbene la CBGA abbia ancora pochissime ricerche mediche condotte, i primi studi forniscono alcuni suggerimenti sulle sue potenziali applicazioni lungo la strada.

Malattie cardiovascolari
Il CBGA può aiutare i pazienti diabetici a combattere alcune delle complicanze della malattia come le malattie cardiovascolari. Il CBGA è stato studiato in vitro e si è scoperto inibire notevolmente l’enzima aldose reduttasi, uno dei principali responsabili dello stress ossidativo che porta al cuore e ad altri problemi. Come previsto, i risultati dei test CBGA erano altamente dose-dipendenti. I farmaci inibitori sintetici hanno gravi effetti collaterali per molti pazienti, quindi un farmaco di origine vegetale CBGA è una prospettiva promettente.

Disturbi metabolici
Un altro gruppo di ricerca ha scoperto che il CBGA può anche aiutare i pazienti con altri disturbi metabolici. Uno studio del 2019 è stato condotto per esaminare il ruolo del CBGA nell’attivazione dei recettori attivati ​​dal proliferatore perossisoma (PPAR) che regolano il metabolismo. Quando i PPAR non funzionano correttamente, le persone sviluppano malattie come il diabete e alti livelli di colesterolo o trigliceridi (dislipidemia). Questo studio ha dimostrato che il CBGA ha attivato i recettori PPAR, stimolando il metabolismo lipidico e riducendo così l’accumulo di lipidi in eccesso. Lo studio deve essere ripetuto in studi su animali e umani.

Cancro al colon
Infine, un giorno il CBGA potrebbe rivelarsi cruciale per i pazienti con carcinoma del colon-retto, il terzo tumore più comune e la quarta principale causa di morte per cancro. I ricercatori hanno esaminato gli effetti citotossici del CBGA estratto dalla cannabis e hanno scoperto che non solo il CBGA ha ucciso le cellule tumorali del colon, ma ha accelerato la morte precoce delle cellule tumorali e arrestato il ciclo cellulare tumorale. Mentre sono sicuramente necessarie ulteriori ricerche, i ricercatori sono stati incoraggiati che il CBGA potrebbe colpire efficacemente non solo le cellule tumorali del colon, ma potrebbe anche prevenire la crescita e la proliferazione dei polipi. Se non trattati, questi polipi si trasformano in carcinomi.

C’è un’enorme mancanza di ricerca su tutti gli aspetti del consumo di CBGA. Mentre alcuni rapporti aneddotici parlano di spremitura e di ingestione di CBGA dalla canapa, si consiglia sempre di consultare il proprio medico prima di prendere la sperimentazione nelle proprie mani.

Fonte: https://www.leafly.com

Questo elemento è stato inserito in Blog. Aggiungilo ai segnalibri.