In che modo gli atleti possono beneficiare del CBD

Con tutto il clamore che circonda il CBD negli ultimi anni, è naturale che le persone che lo ascoltano si chiedano: funziona? Con proprietà che forniscono supporto per una varietà di potenziali benefici per la salute. Il CBD sta aiutando tutti, dalle persone che lottano con i fattori di stress quotidiani alle persone che soffrono di condizioni mediche estreme

Gli atleti sono una nicchia ovvia con il potenziale per trarre grandi benefici dal CBD. Provano abitualmente dolore, infiammazione e stress legati allo sport come parte delle loro professioni, ma il trattamento di questi disturbi spesso comporta farmaci o persino antidolorifici pericolosamente avvincenti. Il CBD può fare una differenza importante nella loro vita, ma gli è permesso acquistarlo?

Il CBD viene dalla cannabis, in sostanza. La marijuana e le sostanze e i prodotti correlati sono ancora fortemente stigmatizzati a causa delle loro proprietà psicoattive. Pertanto, il THC è ancora fuorilegge nello sport e ci è voluto molto tempo, fino allo scorso anno, affinché l’Agenzia antidoping statunitense e l’Agenzia mondiale antidoping rimuovessero il CBD dal suo elenco di sostanze vietate.

È stato rimosso, tuttavia, il che significa che la risposta è per lo più sì: gli atleti possono raccogliere i benefici del CBD, in determinate circostanze. Gli imprenditori del CBD come Jeff Yauck sono contenti che gli atleti possano ora accedere al CBD, ma dicono anche che le condizioni sono dovute a un cambiamento.

In che modo gli atleti possono beneficiare del CBD
Gli atleti professionisti hanno svolto un ruolo significativo nel nuovo uso permissivo del CBD. David Ahrens (ora 60enne), linebacker in pensione della NFL, dice a Men’s Health:

“Mi sono goduto una carriera di gioco di 10 anni [dal 1981 al 1990]. Ho preso più pillole antidolorifiche in quel periodo di quante ne abbiano molte persone nella loro vita. Vorrei aver saputo dei benefici del CBD molto prima. Tutti i dottori ci hanno sempre prescritto la codeina, la Tylenol-Codeina n. 3 e altre cose. All’inizio della mia carriera, è stata distribuita come una caramella. Dovevamo giocare. Non c’era cura della salute del giocatore, solo la tua prestazione era importante. “

Ora che Ahrens è diventato un consumatore e sostenitore del CBD, dice che non ha più bisogno di farmaci per il dolore come una volta. Un altro vantaggio è che i farmaci possono avere effetti collaterali spiacevoli, mentre gli effetti collaterali del CBD sono rari (anche se le persone che assumono altri farmaci dovrebbero parlare con i loro medici prima di aggiungere il CBD alla loro dieta, poiché è stato scoperto che il CBD non si mescola bene con alcuni farmaci, come fluidificanti del sangue).

Molti altri atleti professionisti si sono uniti ad Ahrens per sostenere il CBD, inclusi i giocatori della NHL come Riley Cote e altri giocatori della NHL come Derrick Morgan. Nel caso di Morgan, prende costantemente il CBD nella speranza che possa aiutare a proteggere il suo cervello dall’encefalopatia traumatica cronica, o CTE.

Condizioni degli atleti che acquistano CBD
A molti utenti di CBD piacciono i prodotti “a spettro completo”, tra cui CBD e altri composti come CBN e CBG. Il CBD è legale a livello federale negli Stati Uniti solo se contiene THC uguale o inferiore allo 0,3%, che è troppo piccolo per creare effetti psichedelici. Aziende come Premium Jane, ad esempio, vendono oli di CBD di alta qualità, gomme e altri prodotti che contengono 0,2% di THC e testano i loro prodotti per purezza e potenza.

Tuttavia, sia le agenzie antidoping del mondo che quelle statunitensi vietano tutte queste sostanze che contengono qualsiasi THC, insieme a tutti gli altri composti presenti nella pianta di cannabis. Ciò significa che gli atleti devono ricorrere a prodotti che contengono “isolato di CBD”.


Questo elemento è stato inserito in Blog. Aggiungilo ai segnalibri.