CRISTALLI DI CBD

ECCO COSA C’E’ DA SAPERE

Prima di entrare nel vivo delle caratteristiche dei cristalli di CBD vediamo cosa si intende quando si utilizza questa sigla. Il CBD o cannabidiolo è il principio attivo della cannabis più famoso dopo il THC. A differenza di quest’ultimo, però, non ha effetti psicoattivi. Quando lo si nomina, è necessario ricordare che è contenuto in quantità molto importanti nella cannabis light, che per essere venduta deve essere caratterizzata da una percentuale di THC compresa tra lo 0,2% e lo 0,6%.

Quando si parla di cristalli di CBD, si chiamano in causa delle estrazioni isolate di cannabidiolo che, dal punto di vista visivo, si presentano come granelli che ricordano a quello dello zucchero di canna.

L’estrazione del CBD avviene senza l’utilizzo di solventi potenzialmente tossici per l’uomo. I processi successivi prevedono la rimozione della materia vegetale, ma anche delle tracce di THC. Alla fine della lavorazione, rimane il CBD puro.

CRISTALLI DI CBD: QUALI SONO I VANTAGGI?

Tra i principali vantaggi dei cristalli di CBD c’è la versatilità. I prodotti infatti possono essere assunti in diversi modi. Si possono sciogliere sotto la lingua, ma anche scaldare (non a temperature elevate onde evitare di compromettere le proprietà dei principi attivi) o aggiungere ad altri alimenti.

Infatti è possibile usare i cristalli di CBD in cucina. Come?

È semplicissimo, basta aggiungerli nella preparazione di una ricetta. Puoi usarli ad esempio per preparare un dolce. Qualche granello insieme all’impasto in fare si preparazione, per poi finire di preparare il dolce normalmente. Una volta mangiata la tua fetta di dolce preparato in casa, i cristalli di CBD faranno il loro effetto durante la digestione.

I CRISTALLI DI CBD SONO TOSSICI?

Chi non ha molta dimestichezza con la cannabis light, si chiede spesso se i cristalli di CBD siano o meno tossici. Ma la risposta è negativa. Il CBD, in fatti, non ha effetti collaterali, anche se assunto nella sua forma più pura. Questo non mette in secondo piano l’importanza, per togliersi qualsiasi preoccupazione, di chiedere informazioni al proprio medico curante prima di iniziare l’assunzione.

È bene ricordare che si tratta di prodotti naturali, che devono essere trattati con un’attenzione specifica. Innanzitutto è consigliabile tenerli lontano da fonti di calore e umidità dopo l’apertura. Sulle quantità di assunzione è bene chiedere allo shop dove si è acquistato il prodotto, o leggere le indicazioni sull’etichetta del prodotto.

SVAPARE CRISTALLI DI CBD

La nuova frontiera dell’utilizzo di cannabidiolo è lo svapare i cristalli di CBD. I pericoli legati al fumo di sigaretta o sigari sono molto noti, in quanto i processi di combustione della carta e di altre sostanze possono creare problemi alla nostra salute. Così tutti gli esperti concordano sul fatto che, in tal senso, svapare rappresenta un’opzione alterativa e può contribuire a smettere di fumare.

Il vapore non è fumo, ed è completamente inodore. Pertanto non ha conseguenze negative sul sistema respiratorio. Svapare è il sistema più efficace per assorbire il CBD. I cui effetti sono quasi istantanei e permettono di capire quale sia la dose giusta. Quando svapiamo il CBD, le sensazioni che si avvertono sono maggiore rilassatezza e i sintomi legati al dolore sono drasticamente ridotte.

Questo elemento è stato inserito in Blog. Aggiungilo ai segnalibri.