È arrivata la nuova cannabis senza semi che potrebbe rivoluzionare il mercato

Cannabis senza semi

Una tipologia di cannabis senza semi che rivoluzionerà il mercato. L’annuncio del nuovo prodotto è arrivato a fine gennaio 2022 negli Stati Uniti. Ecco di cosa si tratta e tutti i dettagli.

La prima cannabis triploide senza semi: il progetto di Dark Heart Industries 

Nel 2007, nel mercato statunitense, faceva il suo esordio la Dark Heart Industries, realtà nata con l’obiettivo di consentire ai coltivatori di sviluppare il proprio business aprendo la strada a prodotti e servizi innovativi e d’avanguardia. A quindici anni di distanza, Dark Heart Industries è leader nel settore dell’allevamento genetico e della patologia vegetale e nella genetica della cannabis, oltre che produttrice di piante di avviamento per quasi il 10% di tutta la cannabis coltivata legalmente in California. 

Oggi, alle numerose proposte dell’azienda si aggiunge anche la prima cannabis triploide senza semi al mondo, un prodotto destinato principalmente ai coltivatori commerciali e che ha il potenziale per rivoluzionare l’intero settore della cannabis a livello globale. Secondo quanto affermato dall’azienda, infatti, la tecnologia PistilGuard di Dark Heart produce semi e cloni di cannabis triploidi che, essenzialmente, non possono produrre sementi, anche se esposti direttamente al polline. Questa innovazione tecnologica significa che la cannabis triploide con alti livelli di THC ha il potenziale per essere coltivata sulla stessa scala del mais, del grano o della canapa industriale.

“Le nostre genetiche di cannabis che utilizzano la tecnologia triploide PistilGuard sono una novità nel settore”, ha affermato Dan Grace, fondatore e CEO di Dark Heart Industries e Dark Heart Nursery. “La capacità di coltivare cannabis ricca di THC da semi sterili, triploidi e cloni che sono garantiti per produrre piante praticamente senza semi è un’enorme vittoria per i coltivatori che supportiamo. La cannabis a prova di polline e i vantaggi che offre aiuteranno a spostare la produzione dalla coltivazione artigianale all’agricoltura su larga scala”.

“Ora che gli scienziati di Dark Heart hanno sviluppato la tecnologia di base, saranno in grado di introdurre nuovi ceppi e cultivar senza semi a base triploide attraverso la coltivazione tradizionale che dovrebbe portare la produzione di cannabis a un livello completamente nuovo molto presto”, ha aggiunto Ken Owens, PhD vegetable breeder ed ex presidente di Magnum Seeds.

In passato, lo sviluppo di varietà triploidi senza semi è stato un enorme passo avanti in molte colture commerciali tra cui quelle di angurie, banane e mele. Utilizzare la stessa tecnologia nella coltivazione di cannabis consentirà rese più elevate, costi ridotti e migliori qualità dal punto di vista aromatico e chimico, oltre che un maggior controllo della materia prima. 

I semi e i cloni a marchio PistilGuard quest’anno saranno disponibili esclusivamente per i clienti e i partner di Dark Heart Industries attraverso prove sul campo. Il prodotto sarà poi a disposizione del mercato californiano a partire dal 2023. 

Cannabis e genetica: dagli anni Settanta a oggi 

L’idea di una cannabis geneticamente modificata e senza semi non è una novità. La presenza di semi nelle piante di cannabis diminuisce la densità di cannabinoidi e terpeni, portando di conseguenza a una bassa produzione di THC e a una perdita in termini di resa. Per questo motivo, da decenni,  coltivatori e ricercatori dedicano tempo e studi a una soluzione per rimuovere i semi dalla pianta. 

Una prima svolta arrivò negli anni Settanta con la cannabis Sinsemilla (traducibile dallo spagnolo all’italiano con “senza semi”), nata isolando fisicamente le piante femminili dal polline prodotto da quelle maschili. A questo si sono aggiunti i progressi degli anni Novanta, con l’introduzione dei semi di cannabis “femminizzati” in grado quindi di produrre piante prevalentemente femminili; una soluzione che però non risolse completamente il problema, soprattutto in caso di coltivazioni all’aperto.

Oggi, con il nuovo lancio di Dart Heart Industries la situazione potrebbe drasticamente cambiare, perché le piante con semi triploidi sono incapaci di prosperare anche se esposte direttamente al polline.