La Cannabis light è davvero efficace contro i dolori mestruali?

La Cannabis light è davvero efficace contro i dolori mestruali?

Combattere i dolori mestruali: quando l’aiuto proviene dalla natura

Sono numerose le donne in età fertile che vivono il ciclo mestruale come un momento di grande ansia e
sofferenza, un periodo che può davvero essere invalidante per via di dolori insopportabili. I dolori legati al
ciclo possono essere così forti, tanto da compromettere le normali attività quotidiane. Per molte donne, la
soluzione più immediata, è assumere medicinali in modo da continuare la giornata in maniera produttiva,
non potendo assentarsi al lavoro, rinunciare alle attività sportive o rimandare le faccende domestiche.

Nonostante questi dolori siano spesso invalidanti, non sono considerati tali da poter godere della
prescrizione, da parte del medico, di cannabis terapeutica (al contrario di quanto accade in altre parti del
mondo). Dimentichiamo però che la natura è nostra amica ed alleata, e ci fornisce tutti gli strumenti utili
per combattere i crampi mestruali senza dover ricorrere a medicine pesanti che potrebbero avere
ripercussioni future, a volte più gravi della situazione stessa che vanno a curare.

Tra le soluzioni naturali, la cannabis è una delle più apprezzate. In passato, infatti, la cannabis è stata
un’ottima alleata contro i dolori da ciclo per le donne di tutto il mondo. Seppur in Occidente questo
rimedio naturale sia stato accantonato per via delle dure lotte legate alla sua legalizzazione, la medicina
cinese ha continuato a spronarne l’utilizzo sotto forma di olio concentrato e decotti, due prodotti utili a
riallineare gli equilibri interni delle donne durante il periodo mestruale. A seguito della sua recente
legalizzazione, in molti Paesi si inizia ad avere una visione più obiettiva circa i benefici connessi all’utilizzo di questa pianta.

Cannabis light per calmare i dolori da ciclo

I dolori mestruali sono spesso la conseguenza di spasmi finalizzati all’espulsione di cellule non utilizzate
dall’endometrio, e comprendono, oltre gli spasmi anche: mal di schiena, nausea, stanchezza, diarrea,
tensione al seno, lombalgia, sbalzi d’umore, vertigini, ansia e depressione. In una certa misura, i dolori
legati al ciclo sono normali e fisiologici. In alcuni casi però, le cause che si nascondono dietro vanno
ricercate in problematiche mediche più serie.

Ma in che modo la cannabis light può essere un rimedio utile per i dolori mestruali? Grazie al CBD
contenuto nella pianta, ovvero il cannabidiolo, che a differenza del THC, è un cannabinoide non psicoattivo. Ciò vuol dire che, assumendo prodotti a base di CBD, non ci si imbatterà nel rischio di subire reazioni a livello psichico. Il cannabidiolo è infatti un ottimo alleato per distendere l’apparato riproduttivo femminile e per rendere meno doloroso il periodo mestruale. Grazie alla sua azione antinfiammatoria, il CBD rende inoltre il dolore meno acuto, mentre il suo effetto rilassante aiuta a vivere meglio quei giorni particolari.

Quali sono benefici del CBD?

In primis, il CBD agisce sul dolore. Il cannabidiolo è in grado di interagire con i recettori cannabinoidi, in
particolare con il recettore CB2, collegato alla percezione del dolore. In presenza di crampi mestruali, il CBD può migliorare la sensazione di dolore al basso ventre, nonché il forte mal di testa che spesso lo
accompagna. Inoltre, ha anche un effetto antiemetico, utile per tutte quelle donne che soffrono di nausea
durante il ciclo. Il recettore CB2 interagisce inoltre con il recettore CB1 che regola i fenomeni di
depressione e gli sbalzi umorali, un valido aiuto per rendere quei giorni meno insopportabili.

Il cannabidiolo ha quindi un effetto rilassante, antinfiammatorio, antidolorifico, anticonvulsivante,
antiossidante, favorisce il sonno ed è molto efficace contro l’ansia e gli sbalzi di umore. I suoi effetti,
rilassanti e distensivi su tutto l’apparato riproduttivo femminile, favoriscono un andamento più lieve delle
contrazioni uterine ed aiutano i muscoli coinvolti a subire meno danni durante questo processo fisiologico fortemente debilitante.

Come assumere il CBD per combattere i dolori mestruali?

E’ chiaro, dunque, quanto il CBD sia utile per alleviare i dolori mestruali, ed a differenza dei classici
antidolorifici, non presenta controindicazioni. Per provare in prima persona gli effetti positivi della cannabis light bisogna assumere specifici prodotti a base di CBD, come ad esempio l’olio concentrato CBD e le infiorescenze di cannabis light.

Olio CBD concentrato

Uno dei prodotti più richiesti per combattere i crampi mestruali è l‘olio CBD concentrato. Oltre ad essere
utile per attenuare i dolori, concilia un sonno tranquillo e ristoratore. E’ indicato per distendere i muscoli
contratti dalle fitte ed alleviare i dolori come mal di schiena e mal di spalle, spesso associati al periodo
mestruale. L’olio concentrato di CBD può essere assunto a piccole dosi, variando dosaggio e concentrazione in base alla reazione del proprio organismo. L’ideale è iniziare ad assumere l’olio qualche giorno prima dell’arrivo delle mestruazioni e continuare per tutta la fase del ciclo. Il dosaggio è soggettivo e varia da donna a donna, proprio perché ognuna recepisce e assorbe i cannabinoidi in modo differente. Dunque, non esiste un dosaggio univoco e l’unica strada è sperimentare.

Infiorescenze di cannabis light

Le infiorescenze di cannabis light sono ottenute dai fiori delle piante femmine, provenienti solo e soltanto da piante di Cannabis Sativa. Grazie ad un’alta concentrazione di CBD, queste infiorescenze hanno un alto potere rilassante, antidolorifico e antinfiammatorio, tre benefici estremamente utili a combattere i crampi mestruali. Il metodo migliore per assumerle è attraverso la cottura a lungo in un mezzo grasso (il latte, ad esempio); ciò consente al CBD di infondersi al meglio e di sprigionare tutto il suo effetto. Dunque, tè e tisane rappresentano i migliori prodotti per assumere CBD. Sorseggiare queste bevande calde, aiuta a rasserenare mente e corpo, oltre a sprigionare una piacevole sensazione di benessere.

Conclusione

Per tutte le donne che vivono le mestruazioni come un grande incubo (a causa di disagi fisici e psicologici ad esse collegate), la cannabis light può rappresentare la vera soluzione. Il potere antidolorifico del CBD, la possibilità di mitigare gli sbalzi d’umore e le fitte, la sua facilità di assunzione, la rendono una valida alleata per i crampi mestruali. Il suo prezzo accessibile, inoltre, specialmente se acquistata da rivenditori fidati come Legal Weed, che offrono qualità e convenienza, la rendono un’ottima alternativa ai comuni farmaci, ma a differenza di questi, non ha effetti collaterali.

Sei Maggiorenne?

Facendo clic su ok, dichiari di avere più di 18 anni.

oppure

Naviga Responsabilmente