Colorado: nuovo record di vendite con 12 miliardi di dollari di cannabis venduti dalla legalizzazione del 2014

Colorado

Con il 2021 il Colorado ha registrato un nuovo record di vendite di cannabis superando così i 12 miliardi di dollari di entrate derivate dalla legalizzazione. Ecco i numeri da record dello stato americano. 

Cannabis in Colorado

La cannabis in Colorado è legale per uso medico e terapeutico dal 2000 (quando il 54% degli elettori ha votato a favore della legalizzazione) e per uso ricreativo dalla fine del 2012. Leggermente più recente, invece, l’apertura della vendita al dettaglio con licenza statale, avvenuta nel gennaio 2014, che nel primo anno ha portato a un totale di 700 milioni di dollari di vendite.

Da allora il mercato legale della cannabis in Colorado non ha mai arrestato la sua crescita registrando, dal 2014 al 2020, vendite per quasi 10 miliardi di dollari ($9,978,794,073).

Le vendite di cannabis in Colorado nel 2020

Secondo i dati condivisi nel febbraio 2021 dal Department of Revenue del Colorado — corrispettivo dell’Agenzia delle Entrate italiana —, il record annuale è stato registrato nel 2020, quando le vendite di cannabis legale hanno sfiorato all’interno dei confini statali i 2.2 miliardi di dollari ($2.191.091.679). Di questi, ben 387.4 milioni sono destinati in tasse. Su base mensile, invece, il record era stato registrato nel mese di luglio 2020, dove le vendite avevano superato i 226 milioni di dollari. Prima di allora il record apparteneva al 2019, che aveva alzato l’asticella a 1.75 miliardi di dollari annuali. 

Per capire meglio il contesto, basti sapere che, attualmente, nello stato del Colorado, le tasse si aggirano intorno al 2,9% per i prodotti terapeutici e al 15% per quelli ricreativi, ma a queste si aggiungono le commissioni sulle licenze, le tasse di iscrizione come rivenditori autorizzati e un’accisa del 15% sulle vendite all’ingrosso e sui trasferimenti di cannabis al dettaglio. 

Cannabis in Colorado: nuovo record di vendite nel 2021

Con l’inizio del 2021 e i primi dati raccolti, i riflettori sono stati subito puntati sul mercato del nuovo anno con grandi aspettative, perché se il 2020 aveva registrato una crescita del 25% rispetto al 2019, il 2021 non sembrava essere da meno. 

Secondo il Department of Revenue, infatti, nei soli primi 31 giorni del 2021 il Colorado aveva già raccolto quasi 35 milioni di dollari in tasse sulla vendita della cannabis legale. Se l’andamento non avesse subito variazioni in negativo, a fine 2021 avremmo assistito a un nuovo record. E così è stato. 

Il 2021 ha infatti registrato un nuovo primato in termini di entrate e tasse raccolte grazie al commercio legale di cannabis e ha superato l’anno precedente registrando un +10%. Secondo il Department of Revenue del Colorado, lo stato a stelle e strisce nel 2021 ha raccolto oltre 423 milioni di dollari di tasse attraverso la vendita di cannabis medica e al dettaglio; oltre 36 milioni in più rispetto al record del 2020. Ora, in totale, lo stato ha raccolto oltre 2 miliardi di dollari in tasse ed entrate da quando sono iniziate le vendite al dettaglio di cannabis nel 2014.

Nello specifico, dal rapporto redatto dal Department of Revenue è emerso che da gennaio a novembre 2021 il totale delle vendite ha superato i 2.06 miliardi di dollari, quasi il 3% in più rispetto allo stesso periodo del 2020. Per i dati completi sull’anno appena trascorso bisognerà attendere il report che uscirà a febbraio 2022.

Con i dati appena condivisi relativi al 2021, il Colorado, dalla legalizzazione del commercio al dettaglio del 2014 a oggi, ha raccolto quindi oltre 12 miliardi di dollari di vendite confermandosi sul podio degli stati a stelle e strisce, insieme a California e Washington, con il maggior numero di entrate derivate dal commercio legale della cannabis.